Le parole della crisi

Le parole della crisi

Luigi di Maio vede all’orizzonte – chissà dove volge lo sguardo – un nuovo boom economico per l’Italia come negli anni’60, dimentico (come spesso gli avviene) delle condizioni che portarono a quella fase e dunque confermando la sua ignoranza, almeno della storia del nostro paese.  Il Ministro dell’Economia Giovanni Tria lo sbugiarda perchè invece vede una stagnazione. Molti economisti borghesi, sempre ossessionati dall’ ”equilibrio”, temono che la stagnazione sia la nuova forma di “stabilità” dell’economia.

Abbiamo cercato di fare un po’ di ordine nelle parole dell’economia. Una sorta di vocabolarietto ultra semplificato per dare un’idea dei significati delle parole per aiutare a non usarle a sproposito

Con stagnazione si intende una situazione economica caratterizzata dal persistere di modeste variazioni del prodotto interno lordo e del reddito procapite.

Recessione il periodo in cui l’attività economica ha raggiunto il suo picco massimo e inizia a scendere verso un punto di minimo. Quando l’attività economica inizia a salire di nuovo, siamo in presenza di un periodo di espansione.

Secondo questa definizione, la durata media di una recessione è di circa un anno.

La depressione è una recessione più grave e di lunga durata nell’attività economica.

Per trovare la differenza tra recessione e depressione è utile guardare alle variazioni del PNL. Si è in depressione quando il calo nell’economia vede il PIL diminuire più del 10%. Si è in recessione, invece, quando il calo nell’economia è meno grave.

Inflazione, in economia indica un generale e continuo aumento dei prezzi di beni e servizi in un dato periodo di tempo che genera una diminuzione del potere d’acquisto della moneta.

La deflazione è, in macroeconomia, una diminuzione del livello generale dei prezzi e deriva dalla debolezza della domanda di beni e servizi, cioè un freno nella spesa di consumatori e aziende, i quali poi attendono ulteriori cali dei prezzi, creando una spirale negativa. Le imprese, non riuscendo a vendere a determinati prezzi parte dei beni e servizi, cercano di collocarli a prezzi inferiori.

In economia, con il termine stagflazione (combinazione dei termini stagnazione ed inflazione) si indica la situazione nella quale sono contemporaneamente presenti – su un determinato mercato – sia un aumento generale dei prezzi (inflazione), sia una mancanza di crescita dell’economia in termini reali (stagnazione economica).

Fin qui tutto molto brutto. Ma poiché un Vicepremier del Consiglio e Ministro dello Sviluppo Economico ha visioni positive, diamogli credito ed ecco che vuol dire boom economico : fenomeno di grande e rapido sviluppo dell’attività economica generale o di un’attività settoriale. Anche forte aumento delle vendite, dei prezzi e delle quotazioni di un determinato bene. In particolare, fase del ciclo economico caratterizzata dalla massima espansione che in genere precede recessione e crisi.

Eduardo Lubrano

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. more information

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup