Sessismo: Italia e Francia a confronto

Sessismo: Italia e Francia a confronto

Italia e Francia hanno un enorme problema con il sessismo. Due paesi che hanno fatto della cultura e quindi della conoscenza il loro connotato principale nel mondo si trovano invischiati a combattere oggi con sacche di ignoranza e violenza inconcepibili. Due esempi su tutti.

Circa 1,2 milioni di donne francesi sono state prese di mira da insulti sessisti nel 2017, ma ci sono state solo quattro condanne per il reato, secondo il rapporto pubblicato dal Consiglio superiore indipendente francese per la parità tra donne e uomini (HCE). Che è stato dichiarato la prima indagine ufficiale sul sessismo nel paese.

Il rapporto descrive gli insulti sessisti come una “violenza quotidiana” affrontata dalle donne, che viene raramente segnalata alla polizia. Gli insulti più frequentemente riportati sono stati salope (sgualdrina), pute (puttana) e connasse (cagna).

Ma l’HCE ha rilevato che le denunce ufficiali sono state presentate solo nel 3% dei casi nel 2017 e ha portato a quattro condanne.

Il sessismo in Francia è “ancora prevalente, diffuso e tuttavia ancora molto raramente condannato”, c’è scritto nelle pagine del rapporto.

Lo scorso anno i legislatori hanno approvato una legge che vieta le molestie sessuali nelle strade, consentendo multe sul posto per molestie fino a 750 €.

Il sessismo non è inevitabile e non è naturale, è un’ideologia mortale, che deve essere combattuta con vigore”, ha dichiarato la presidente della HCE, Danielle Bousquet.

Ed eccoci in Italia. La canzone “Caramelle” di Pierdavide Carone e i Dear Jack è stata esclusa dalla gara di Sanremo 2019. Il testo del brano è legato al delicato tema della pedofilia e gli autori si sono lamentati parlando anche di censura nei loro riguardi. Claudio Baglioni ha invece dichiarato che da parte su non c’è stata minimamente volontà di censura, intervistato da Non è l’Arena, il conduttore ha ribadito: “La canzone non è entrata in graduatoria, non c’è stata censura e non c’era problema inerente al tema”. Moltissimi gli artisti che si sono schierati al fianco di Carone e dei Dear Jack sostenendo che sul palco dell’Ariston è necessario portare argomenti anche così importanti.

Sarà…certo è che dai tempi di “Paolo Pa…” del Banco del Mutuo Soccorso, una delle prime canzoni che affrontava il tema dell’omosessualità, passando per “Mary” dei Gemelli Diversi (che racconta degli abusi di un padre-orco) che si discute della opportunità che la musica diffonda messaggi sociali di tanta importanza.

In Italia il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni ha subito almeno una volta una violenza fisica o sessuale, per lo più da un partner o ex partner. Le italiane subiscono più violenze sessuali, le straniere più violenze fisiche di altro tipo ed anche più violenze psicologiche. Il 16,1% ha subito stalking.“

Un italiano su quattro considera ancora l’omosessualità come una malattia; uno su cinque ritiene poco o per niente accettabile avere un collega, un superiore o un amico omosessuale. Il 24,8% ha perplessità sul fatto che persone con orientamento omosessuale rivestano una carica politica. Questa percentuale sale al 28,1% nel caso di un medico e al 41,4% nel caso di insegnante di scuola elementare.“

Eduardo Lubrano

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. more information

Questo progetto web utilizza la tecnologia 'cookies' per migliorare l'esperienza generale del Sito. I Cookies sono piccoli file testuali mantenuti sul proprio computer o dispositivo. Ci permettono di assicurarti la miglior esperienza di navigazione possibile e di capire come utilizzi il nostro sito. Questo messaggio di avviso ti viene proposto in base alle nuove normative sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Chiudi Popup